Storie

Il sindaco con il carro armato

3 VOLTE

Della Lituania non si parla molto in Italia.
Ma in 3 occasioni è riuscita ad attirare l’interesse dei nostri mass-media.

1) La prima volta riguarda la Catena Baltica, l’impressionante e pacifica catena umana che unì Lituania, Lettonia ed Estonia nella rivendicazione dell’autonomia dall’Unione Sovietica.
Il 23 agosto 1989, circa 2 milioni di persone si presero per mano, da Vilnius fino a Tallinn, attraverso Riga, lungo circa 680 km, per 15 minuti, alle 7 di sera.
Mi ricordo le emozionanti riprese aeree, le persone con le bandiere, sull’autostrada, in mezzo ai boschi.

2) La seconda volta è relativa alla resistenza passiva e agli scontri tra la popolazione lituana e le truppe sovietiche, nel gennaio 1991, poco prima del distacco definitivo dall’URSS.
Mi ricordo il freddo, le candele, la folla che circonda e difende il Parlamento, i carri armati che tentano di arrivare alla torre della TV.

3) La terza volta vede due protagonisti: un sindaco e un carro armato (curioso il fatto che anche in questo caso il carro armato sia al centro della scena).
E’ il 30 luglio 2011.
La Lituania è indipendente.
Il sindaco di Vilnius è il 43enne Artūras Zuokas.
Che, a causa di un video particolarmente vincente che lo ritrae, diventa famoso in tutto il mondo. Lo stesso anno, vince anche il premio Ig Nobel per la pace con la seguente motivazione ufficiale:

Per aver dimostrato che il problema del parcheggio illegale delle macchine di lusso può essere risolto investendole con un carro armato

UN SINDACO, IL PROBLEMA DEI PARCHEGGI ILLEGALI A VILNIUS E UNA SOLUZIONE MOLTO PARTICOLARE

QUESTO è il famoso video.
(Ce ne sono diverse versioni su YouTube. Questa è quella ufficiale. E’ in lituano con sottotitoli in inglese)

Racconta di un sindaco che decide di passare alle maniere forti per risolvere il problema dei parcheggi illegali in città.
Il video riprende una Mercedes parcheggiata all’incrocio tra una pista ciclabile e delle strisce pedonali.

Ecco la traduzione in Italiano dei testi e dell’audio del video:
– Il sindaco di Vilnius A. Zuokas combatte contro le macchine parcheggiate illegalmente con un carro armato.
– Negli scorsi giorni, varie macchine lusso sono state parcheggiate illegalmente circa in questo punto… Rolls Royce, Ferrari. Cosa dovrebbe fare la città nei confronti dei guidatori che pensano di essere al di sopra della legge? Pare che un carro armato sia la soluzione migliore. Questo è ciò che ti accadrà se parcheggi illegalmente la tua macchina! La prossima volta, parcheggia la tua macchina secondo le regole.

Lo stile del video lascia un po’ a desiderare… al Garante sulla privacy italiano verrebbero i capelli dritti (si possono infatti leggere le targhe degli autoveicoli)… ciononostante, il messaggio è molto efficace:
Continui a parcheggiare la tua macchina illegalmente su una pista ciclabile? Allora io, che sono il sindaco di questa città, ti punisco e te la sfascio con un carro armato. Nessuno è sopra la legge.

IL SEGRETO DEL SUCCESSO

Il video ha finora raccolto più di 5 milioni e mezzo di visualizzazioni.
E migliaia di commenti, per lo più divertiti ed entusiasti.

Un successo planetario.
Uno dei primi fenomeni ‘virali’ della nostra epoca.

Quali i motivi?

Probabilmente perché sono rappresentati vari temi cari a tutto il pubblico:

  • I ricchi (… ma come hanno potuto diventare così ricchi?) che, grazie ai soldi e alla propria posizione di potere, credono di poter fare tutto ciò che vogliono, da un lato, e i cittadini che lavorano onestamente e rispettano la norme di convivenza civile, dall’altro lato
  • La politica al servizio della cittadinanza, con meno parole e più azioni e soluzioni (… il sindaco pulisce anche la strada, alla fine)
  • Il carisma e il coraggio del leader-eroe
  • Il gusto proibito della vendetta a fin di bene
  • La giustizia che infine trionfa

Vi è, inoltre, un paio di aspetti che soltanto i lituani possono apprezzare:

  • Durante il suo racconto in lituano (non tradotto in inglese), Zuokas specifica che le macchine sono dalla Bielorussia – a sottolineare un’ulteriore contrapposizione: quella tra autoctoni vs. stranieri, e più specificamente tra Lituania e ‘mondo occidentale’ vs. ‘mondo russo’ (enfatizzato anche dal colore dei vestiti e dalla catena al collo della ‘vittima’)
  • La scena è girata a Gedimino prospektas, la vita principale del centro storico di Vilnius. Chissà se i proprietari di quelle macchine erano nei ristoranti di prima classe o negli esclusivi club presenti in quella zona…

Il video è divertente, coinvolgente.
La musica è incalzante, ritmata, contemporanea.
Il buono vince e il cattivo perde.

Un perfetto meccanismo genera-consenso.
Geniale.

REALTA’ O RAPPRESENTAZIONE?

Tutti i miei amici lituani si ricordano bene quel video.
Mi hanno aiutato a raccogliere varia documentazione al riguardo (grazie!).
Hanno però opinioni diverse in merito alla sua veridicità: secondo alcuni, è tutto vero, un filmato tratto dalla realtà; secondo altri, si è invece trattato di uno spot, di una messinscena con attori e scenografia.

A pensarci bene, vi sono alcuni elementi controversi:

  • La reazione pacata e poco convincente del proprietario della macchina distrutta (… in silenzio perché troppo shockato?)
  • L’assenza di altre persone e altri veicoli sulla strada (… l’hanno girato alle 5 di mattina?)

Intervistato sull’accaduto, Zuokas non ha mai chiarito fino in fondo e ha talvolta usato delle risposte sibilline, rinforzando la prima scelta con affermazioni del tipo:

Ho soltanto deciso che era giunto il tempo di dare ai bulli che non hanno rispetto per i diritti degli altri una lezione che non si può dimenticare

Chi erano, tra l’altro, le altre due persone sul carro armato?
Secondo Wikipedia, si tratta di Erik Ekstrand e Mackan Edlund – della troupe di uno show televisivo svedese su TV6: “99 cose che dovresti vedere prima di morire“.
Altre fonti confermano questa informazione.

Artūras Zuokas era ed è tuttora un personaggio pubblico in Lituania.
Continua a fare politica, anche se un po’ meno attivamente rispetto a qualche anno fa.
E’ stato sindaco di Vilnius per tre mandati (la prima volta aveva soltanto 32 anni) ed ha pure fatto parte del Parlamento nazionale.
Giornalista, corrispondente di guerra (in Iraq, durante la prima Guerra del Golfo), imprenditore nel mondo dei media.

Leggo che, da sindaco, Zuokas ha molto investito in piste ciclabili.
Nel video, del resto, arriva e riparte dalla ‘scena del crimine’ a bordo di una bicicletta elettrica.


Nell’immagine, in alto:
Un fotogramma del video, con il sindaco in testa al carro armato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...